Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
COMUNE DI BADOLATO Servizi Demografici – Ufficio Anagrafe
Autore:Vincenzo Rudi     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2021 - Anno: 27 - Numero: 1 - Pagina: 3 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

VORRÌA MU TORNU

Letture: 67               AUTORE: (Altri articoli dell'autore)        

Casa mia ducia, casa mia luntana
duva la mamma e ’u tata suspiraru
e nzema dijunaru
sirati ’e vernu chini ’e tramuntana.
Mi torni all’intrasatta nt’o penzeri
e sentu ca mi chiama la campana,
o casa mia luntana,
mò chi caminu ammenzu foresteri.
E propia mò chi tegnu chi mangiara
vorrìa mu tornu ammenzu quattru mura,
mu sentu ad ogni ura
’u focu nt’o caminu scattijara.
Vorrìa mu tornu e non mi mporta nenta
si ’u ventu trasa ’e tutti l’aperturi:
trasendu supra i muri
rivigghia cosi chi cchiù nuddhu senta.
Rivigghia ’u focu chi mandava fumu
e annigricava tutta la cucina;
appiccia ’a lampadina
e l’amuri perdutu vena nzumu.
Vorrìa mu tornu supra nu pagghiuna,
all’orologiu ’u dugnu ancora corda
e ’u cora, chi non scorda,
mu senta ancora ’u rumbu ’e nu cafuna.
Mu sentu nt’a nottata guccijara
l’acqua chi sbatta queta a la finestra,
mu mangiu na minestra
cu nu pezzu de pana de crisara.
Mu sentu ancora ’u hjarvu chi venìa
ogni vota chi ’u furnu s’appicciava,
e ’a mamma consacrava
na pitta chi cu l’ogghiu ni cundìa.
Vorrìa mu tornu ’u sentu nt’a nottata
’u sgrusciu de nu carru o nu trainu,
sonara ’u matutinu
chi rivigghiava ’a genta addormentata.
O m’arricchiu nt’o sonnu u chiò cantara
e refriddira ’u cora spanticatu;
cu l’occhiu arrussicatu
chinu ’e pagura l’arva suspirara.
Vorrìa mu tornu e cuntu ogni simana
chi mi cunzuma chiddhu pocu ’e bena
chi ’u cora ancora tena
penzandu sulu a tia, casa luntana.
Achille Curcio
(Da chi canti, chi cunti? - fucina jonica -
Catanzaro 1983)


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it