Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
NOTIZIE FLASH
Autore:Mario Ruggero Gallelli     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2023 - Anno: 29 - Numero: 3 - Pagina: 42 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

IL “PROFILO MORALE” nelle parole di un padre d’altri tempi

Letture: 106               AUTORE: Francesco Carnuccio (Altri articoli dell'autore)        

(L’amico Ciccio Carnuccio, nato a Badolato nel 1938, è vissuto in gran parte a Crotone
(dal 1960), dove ancora risiede da medico ortopedico in pensione.
Nelle sue “Le memorie di un medico”, memorie molto circostanziate per l’ottima memoria
e soprattutto per l’afflato umano che le pervade, risaltano egregiamente condizioni situazioni
e luoghi, e sono tratteggiati minuziosamente i professori dell’Istituto Salesiano di Soverato
che hanno contribuito notevolmente alla sua formazione. Lo spazio maggiore, però, è riser
vato alle sue sorelle, e ancor più a sua madre e a suo padre, il cantoniere, poi capo, Pasquale
Carnuccio -classe 1908-, protagonista e formatore di alto profilo morale, anche con l’esem
pio. Leggiamo insieme lo stralcio che ci siamo permessi di operare, ringraziando l’amico
medico per il qualificato gradito contatto.).
Fin dai primi anni di studio pensavo che l’impegno nella conoscenza e nella cultura fossero
indispensabili per fare di me un uomo e soprattutto per essere libero. Mio padre stesso intuì in
epoca arretrata che la migliore dote da dare ai figli fosse la cultura. “Devi studiare altrimenti
non sei nessuno”: diceva. Egli era buono, ma privo di dottrina e se ne faceva un cruccio per
non aver potuto studiare; aveva le basi elementari e da ragazzo apprese qualcosa di più da pa
dre Bonaventura, un francescano minore a cui serviva la Messa. La bontà e l’onestà erano le
altre cose che mi raccomandava e per me ne fu l’esempio.
Mi viene in mente al riguardo quanto scriveva Giuseppe Giusti nel suo “Epistolario” nella
lettera a Giovannino Piacentini fanciullo: “Altri comincerebbero per raccomandarti lo studio
e io comincio dal raccomandarti la bontà e ti prego di custodirtela nel cuore come un tesoro
senza prezzo”; poi proseguiva: “senza uomini dotti il mondo potrebbe andare avanti benis
simo, credilo pure, senza uomini buoni ogni cosa sarebbe sovvertita”. Intendendo, però, per
“dotti” quelli che usano la dottrina come vana ostentazione di erudizione, un orpello, una vana
suppellettile che poco serve all’uso nella vita; la vera dottrina è quella finalizzata alla forma
zione dell’individuo sul piano intellettuale e morale ed è diretta all’acquisizione della consa
pevolezza del ruolo che ad ognuno compete nella società. La cultura ti consente di formarti e
di trovare un lavoro. Il lavoro ti libera dal primo condizionamento, che è la sottomissione o
peggio ancora la schiavitù. Lavoro e libertà: i due fari della mia vita.
La mia libertà fu vissuta anche nell’accezione più ampia del significato morale: aiutare chi
soffre era già insito nella mia professione, ma proprio per questo ho rafforzato ancora di più
il mio impegno. Nel mio percorso di vita cercai di vedere sempre quella parte di buono che ci
fosse nell’altro, convinto che la diffidenza e il pregiudizio alimentano la discriminazione e non
incoraggiano alla socialità.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it