Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
DALL’1 GENNAIO AL 30 APRILE 2019
Autore:Mario Ruggero Gallelli     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/08/2015 - Anno: 21 - Numero: 2 - Pagina: 14 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

“RACCONTO LA MIA STORIA”

Letture: 277               AUTORE: Vittoria Leuzzi (Altri articoli dell'autore)        

(Vittoria Leuzzi, l’autrice del tema che segue, è figlia del nostro attento e puntuale collaboratore
dottor Giacomo. Nel 2014-15 ha frequentato la quinta elementare. Tra i suoi insegnanti
Domenica Piroso, che, per vari e opportuni motivi, ci ha partecipato in visione l’interessante
elaborato dell’alunna: noi gliel’abbiamo chiesto e la maestra, sentito il parere dei genitori,
ha soddisfatto la nostra richiesta. Abbiamo pertanto il piacere di offrire ai nostri lettori un
polivalente scritto, che è tanto piaciuto a noi e speriamo sia pure di loro gradimento. Per il
resto… ogni commento sarebbe superfluo.)
“RACCONTO LA MIA STORIA”
Mi chiamo Vittoria Leuzzi e vivo a Badolato Marina.
La nascita del mio paese risale al 1080, quando vi si insediò il duca normanno Roberto
il Guiscardo. Oggi Badolato Superiore, pur essendo un paese quasi disabitato, ha ancora un
grande fascino; esso ha una grande storia, tante tradizioni, una profonda cultura. La nostra
maestra ha deciso di farci fare un progetto chiamato “Racconto la mia storia”. Con questo progetto
abbiamo studiato alcuni modi di vivere dei nostri nonni: il lavoro, le cerimonie, i giochi
dei bambini e la lavorazione dei cibi. Tutto questo ci è stato possibile grazie ad alcuni racconti
tratti da “E uno, e due, e tre… racconti dal Sud”. Grazie a questi abbiamo capito che il modo
di vivere è cambiato rispetto al passato: nel racconto “È roba nostra” Franciscuzza fu obbligata
a sposare Peppi, tutti i matrimoni erano concordati dai genitori; nel racconto “Lo scherzo” si
andava a caccia di topi fin da ragazzi e spesso per molti erano un cibo prelibato; nel racconto
“Le mani grandi” due bambini furono costretti a lavorare per un pecoraio anziché frequentare
la scuola o lavorare nei campi per il padre
perché c’era molta povertà.
Queste storie hanno suscitato in me
la voglia di scoprire sempre cose nuove
che riguardano il passato del mio paese e,
ogni volta che vado a Badolato Superiore,
mi sembra di vedere tutte le scene dei
racconti: il via vai che un tempo c’era tra
i vicoli, le vecchiette che filavano col fuso
nel “mignanu”, i contadini che con i muli
tornavano dai campi, i bambini che giocavano
ad azzoppannànca o ad acchiappafèrru.
Mi sembra di sentire perfino gli
odori che inebriavano l’aria: l’odore del
pane caldo, del mosto, del “vinicottu” e
quello dei fichi secchi.
Con questo progetto abbiamo potuto
anche fare delle uscite didattiche: siamo
andati sia a Badolato, per vedere da vicino
i luoghi dei racconti, che alla sede
dell’Associazione Culturale “La Radice”.
In questa ultima abbiamo conosciuto e intervistato
il professore Vincenzo Squillacioti, l’autore dei racconti. A Badolato Borgo siamo stati guidati da Mario Gallelli, presidente
de “La Radice”. Abbiamo visitato alcune botteghe artigianali tra cui quella del fabbro, dove
c’erano vari utensili che servivano a lavorare il ferro e la bottega del falegname dove erano
presenti vari utensili tra cui la sega e la pialla…
Grazie al progetto “Racconto la mia storia” in me si è accesa la voglia di conoscere le
nostre radici. Ogni volta che apro il quaderno, in cui noi studiamo tutti i racconti, scriviamo
ricette badolatesi e trascriviamo interviste ai nonni la mia curiosità prende il sopravvento.
Credo che questo accada a tutti i miei compagni di classe perché ogni volta che la nostra maestra
ci chiede di distribuire questi quaderni, facciamo salti di gioia. Per me questo progetto è
molto importante e lo porterò per sempre nel cuore e, ogni volta che vedo foto dei miei nonni,
immagino di tornare indietro nel tempo. Credo che conoscere il passato del nostro paese sia
importante per poter vivere meglio il presente e preparare un futuro migliore. Quando avremo
dei figli, dovremo dedicargli del nostro tempo, raccontando queste storie con l’intento di mantenere
viva la piccola fiammella di amore per tutte le cose che hanno reso importante il nostro
paese, gli abitanti del passato e quindi anche noi, oggi.
Vittoria Leuzzi


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it