Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/06/2006 - Anno: 12 - Numero: 2 - Pagina: 19 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

BADOLATO CANDIDATO AL PREMIO WORLD HABITAT AWARDS

Letture: 1708               AUTORE: Daniela Trapasso (Altri articoli dell'autore)        

Mi verrebbe da iniziare questa piccola memoria con il classico cera una volta. Ed in effetti lintento proprio quello di consegnare alla storia, passatemi il termine, un pezzettino di vissuto badolatese, nel bene e nel male. Da tempo ormai si sente parlare di un premio a Badolato ma spesso le informazioni sono errate o incomplete. Oggi vogliamo dare, finalmente, le notizie corrette ed informare i cittadini badolatesi e non di cosa si tratti. Intanto cominciamo spiegando cosa e da dove nasce questo ambito riconoscimento. Il premio organizzato dallassociazione inglese Building and Social Housing Foundation (BSHF), una organizzazione indipendente che promuove lo sviluppo sostenibile nelledilizia. Esso nasce nel 1985 come contributo della BSHF allanno internazione del rifugio per i senza dimora promosso dalle Nazioni Unite. Ogni anno due premi vengono assegnati ai due progetti del nord e del sud del mondo che si contraddistinguono nel proporre soluzioni pratiche ed innovative ai problemi ed ai bisogni di chi senza dimora. Il premio viene consegnato ogni anno in occasione della celebrazione del Word Habitat Day promosso dalle Nazioni Unite. Questanno la data fissata per il 2 ottobre. Detto ci vediamo come Badolato arrivato ad essere uno dei 4 finalisti al concorso 2005 (s, perch ad ottobre si premia per lanno 2005). Tutto cominci, come ormai molti sanno, con gli sbarchi di profughi lungo le nostre coste. In particolare lo sbarco dellArarat del 26 dicembre 1997 era destinato a influire notevolmente sulla storia del nostro splendido Borgo. A seguito di quello sbarco, infatti, lAmministrazione Comunale di allora, guidata da Gerardo Mannello, si lanci in una impresa senza dubbio innovativa: con un finanziamento statale di un miliardo e mezzo di vecchie lire programm lacquisto e la ristrutturazione di 20 unit abitative da destinare agli immigrati: il famoso progetto pilota. Perch tutto ci suscit un grande scalpore? Semplicemente perch il progetto nasceva in una Italia dove non erano mai state sperimentate politiche di accoglienza, dove non esistevano (e, sottolineo, non esistono ancora) normative organiche sul diritto dasilo, pur essendo esso sancito nella nostra Costituzione allart. 3. Certamente lintento non era solo quello di dare ospitalit a chi scappava da guerre e persecuzioni ma anche di ridare nuove prospettive ad un paese che si stava lentamente spegnendo. Il CIR ha affiancato e sostenuto sin da subito lesperimento. Tuttavia le lungaggini burocratiche nellerogazione dei fondi, nella preparazione della documentazione necessaria, i problemi riscontrati nella fase di ristrutturazione hanno portato ad una dilatazione dei tempi previsti per la concretizzazione del progetto, tanto che molti hanno pi olte parlato di esperienza fallita. Non questa la sede per rispondere a quanti pensavano che con un solo colpo di bacchetta magica si potessero repentinamente cambiare le sorti del nostro bellissimo Borgo. Non stato facile lavorare in tutti questi anni, scontrarsi con i problemi quotidiani, con la burocrazia, con la mancanza di leggi ad hoc, con il dolore di chi arrivava e chiedeva aiuto, di chi cercava un posto da cui ripartire cercando di dimenticare tutto il male vissuto. Sono state necessarie forza, determinazione e tanta volont. La nuova Amministrazione Comunale, guidata da Andrea Menniti, ha ritenuto ancora valido il progetto ed ha fortemente sostenuto tutte le azioni volte al suo proseguimento. La ristrutturazione delle case andata avanti e le prime unit abitative sono state consegnate nel dicembre del 2004. Altre sono pronte dal luglio 2005. Una parte di queste case, per lesattezza 5, costituiscono il cofinanziamento ad un altro progetto in corso a Badolato dal 2001: il progetto finanziato con i fondi FER (Fondo Europeo Rifugiati) che porta il nome di Cera una volta a Badolato. In questo progetto oggi sono ospitati 15 beneficiari di diverse nazionalit: eritrei, congolesi, kurdi, colombiani. Le rimanenti case, alcune delle quali ancora in via di ultimazione, sono proprio quelle del progetto pilota. La differenza tra i due progetti consiste nel fatto che mentre nel primo gli ospiti sono mandati direttamente da una lista di attesa gestita da Roma e sono sotto accoglienza completa, nel secondo possono essere ospitati, semplificando, coloro che hanno trovato un modo per integrarsi a Badolato, sono economicamente pi o meno autonomi e decidono di fare di questo Borgo la loro seconda patria. Le prime due abitazioni sono state consegnate a profughi etiopi che vivono a Badolato da quasi due anni e i cui bambini frequentano le nostre scuole. Lo scorso anno il CIR ha pensato di proporre tale progetto alla candidatura del premio World Habitat Awards. Abbiamo strutturato tutte le informazioni e lesperienza raccolta in questi anni, abbiamo scattato foto ed abbiamo mandato il tutto in Inghilterra, sede della BSHF. Al progetto, stavolta, ci piaciuto dare un nome badolatese, che ricordasse il calore della casa e lo abbiamo chiamato U focularu, sorridendo allidea di come lo avrebbero pronunciato i funzionari inglesi dellassociazione! Nel gennaio di questanno siamo stati contattati dal BSHF con la notizia che U focularu si era piazzato tra i primi 11 posti (in particolare tra i primi 5 progetti del nord). A fine febbraio due funzionari del BSHF, la direttrice Diane Diacon e la collaboratrice Pat Elderflield sono venute a Badolato per il sopralluogo di rito accompagnate dal direttore del CIR dr. Christopher Hein. In questa occasione ci stato detto che i candidati si erano ridotti a 4 e che Badolato era tra questi. Le signore Diane e Pat hanno incontrato il sindaco Menniti ed i rappresentanti dellAmministrazione Comunale, che hanno organizzato per loccasione una calorosa accoglienza, ma non solo. Hanno voluto sapere tutto del nostro Borgo, la storia, le tradizioni, i problemi, la cultura, e, ovviamente le problematiche dei rifugiati. Un validissimo ed indispensabile sostegno in quei giorni ci stato dato dal prof. Vincenzo Squillacioti che ha accompagnato le signore rispondendo a tutte le loro curiosit. I due funzionari hanno voluto incontrare anche il direttore dei lavori di ristrutturazione, ing. P. Schiavone, il responsabile della ditta che ha eseguito i lavori, A. Piroso, il capo dellufficio tecnico comunale geometra P. Larocca e lex sindaco Gerardo Mannello. Pat e Diane hanno voluto visitare il Convento degli Angeli, la comunit di Mondo X, le chiese, le case ristrutturate e non hanno disdegnato una visita ai catoi di Badolato ( cultura pure questa!!!). Al termine del loro soggiorno si sono dette contente ed entusiaste di Badolato, dei badolatesi e del lavoro svolto nonostante le difficolt`88 e nonostante ci sia ancora moltissimo da fare. Personalmente ho detto loro che se dovessimo vincere il premio non considereremo tutto questo un punto di arrivo ma, al contrario, un nuovo punto di partenza, una spinta ed un incoraggiamento ad andare avanti nonostante tutto e tutti. Hanno detto di essersi sentite come a casa durante i giorni della loro permanenza e che, probabilmente, questa la reale forza del progetto: il grande senso dellaccoglienza che ci contraddistingue. Da quando sono partite ci siamo pi volte sentite via email e non perdono mai loccasione di salutare tutti quelli che hanno incontrato e per ringraziare ancora dellaccoglienza che stata loro riservata. Nel mese di maggio hanno concluso i loro viaggi di verifica negli altri 3 Paesi concorrenti. Entro agosto dovrebbero essere resi noti i nomi dei due progetti vincitori che poi saranno premiati ufficialmente il due ottobre. Per quanto mi riguarda gi comunque una vittoria essere arrivati a questo punto. Di questo voglio ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile tale situazione concretamente e anche coloro che ci hanno sempre manifestato la loro vicinanza. Sappiamo benissimo che una eventuale vittoria non risolve i problemi atavici di Badolato ma ci piace pensare che nel nostro piccolo abbiamo contribuito a portare il nome di Badolato fuori dai confini italiani e che ci non sia avvenuto per i soliti fatti di cronaca nera (come spesso accade in Calabria). E non ce ne vogliate se di tutto ci siamo, forse ingenuamente, orgogliosi.
BADOLATO CANDIDATO AL PREMIO WORLD HABITAT AWARDS - Daniela Trapasso

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it