Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home Info Autori Biografie Autori  Elenco periodici Cerca Badolato Link

Archivio

Altro spazio Estinti Gestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data:  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/06/2006 - Anno: 12 - Numero: 2 - Pagina: 43 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

“I PAGGHJARA”

Letture: 1385               AUTORE: Tota Gallelli (Altri articoli dell'autore)        

Finito il tempo del raccolto con la trebbiatura del grano, per i contadini il lavoro si alleggeriva, si concentrava, per una buona parte di badolatesi, nelle piane di Gallipari, di Cardara, del Tiratore, coltivate ad orti e ricche di pescheti e di vigne. Bisognava irrigare i campi ed era necessario trovarsi sul luogo alle prime luci dell’alba per prenotarsi la vicenda dell’acqua e per la raccolta delle pesche per poi venderle al mattino ai compratori che si trovavano in vari posti della marina. Era molto faticoso raggiungere i campi di buon’ora, per poi tornarsene in pieno giorno in paese, data la distanza dalla marina, perciò molti si costruivano i pagliai sulla spiaggia di Cardara; finiti i vari lavori nella prima mattinata se ne andavano nei pagliai per il resto della giornata, la sera si riunivano attorno ai falò discorrendo, chiacchierando, cantando per passare ad una notte tranquilla al fresco di quei pagliai. I pagliai accoglievano amici e vicini di fondo che vicendevolmente si aiutavano nei lavori. Stare un periodo sulla spiaggia faceva bene alla salute, oltre al bisogno di riposo si curava la bronchite col sole, i reumatismi con le sabbiature, le allergie con l’acqua allora molto pulita: anche il medico prescriveva queste cure. Non erano solo i contadini a scendere al mare, anche altri che si costruivano i pagliai sulla spiaggia di fronte la stazione ferroviaria, dove adesso sono i lidi ma questi per villeggiare. Non tutti, però, sia contadini che altri, scendevano al mare, una buona parte si spostava sulle colline di vigneti nelle zone della Guardia, della Vite, di Petraccolo, ecc.: i contadini per il lavoro nelle vigne, e negli orticelli annaffiati con l’acqua raccolta nelle vasche (“a gebbia”), altri per “cambiamento d’aria” come allora era chiamata la villeggiatura. Vi erano anche apicoltori e nel periodo estivo c’era la smielatura. Le donne si dedicavano alla lavorazione della ginestra. Sempre attivi e laboriosi i badolatesi anche in villeggiatura.

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it