Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
SOFTWARE OPENSOURCE

Autore:Marina Gervasi     Data: 31/03/2006  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2009 - Anno: 15 - Numero: 3 - Pagina: 4 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

DI GIOVANNI PATARI

Letture: 174               AUTORE: Antonio Barbuto (Altri articoli dell'autore)        

L’occasione della presente rivisitazione di Giovanni Patari è stata provocata quest’estate
-che significa immediatamente soggiorno nella mia “amorosa dimora” di Canale kilometrotredalle
gradevoli conversazioni e piacevoli coinvolgimenti di tre amici.
Nell’ordine di successione: Leonardo Mascaro che mi prestò per leggerlo Tirripitirri nella
ristampa di qualche decennio fa presso l’editore catanzarese Mario Giuditta. Pino Martinelli, professore
alla Facoltà di Medicina dell’Università di Bologna che col 1° novembre avrebbe cessato
l’insegnamento, che ha avuto l’idea bellissima di ricavare da un magazzino inutilizzato un piccolo
“salotto”, arredato splendidamente dalla moglie Fiorella, da destinare a “incontri” culturali per un
ristretto -date le dimensioni del locale- numero di amici, intitolandolo “Dino Club” in memoria del
carissimo fratello scomparso qualche anno fa. Si ripromette di intrattenere gli invitati, di volta
in volta sempre diversi, affidandone l’incarico ad amici “esperti”, con argomenti di cultura,
possibilmente calabrese, e di attività artigianali e persino con prove di arte culinaria.
Ebbene: volle iniziare con un soggetto squisitamente locale invitando lo studioso di storia
calabrese Marziale Mirarchi che è senza dubbio un’autorità in materia per la serietà che
contraddistingue le sue ricerche, frutto di frequentazioni assidue e appassionate di Archivi e
Biblioteche (la sua conta almeno cinquemila volumi). Marziale ha parlato della storia di
Soverato impegnandosi, documenti alla mano, a elencare questioni e possibili soluzioni in
maniera soddisfacente nulla concedendo al bla bla che circola nelle nostre contrade.
Giulio De Loiro ha parlato invece del suo libro dedicato alla storia di Satriano, che tanto
successo sta riscuotendo perché ha messo a servizio della ricerca storica la sua preparazione filologica
-per alcuni decenni è stato la punta di diamante dell’insegnamento del latino e del greco.
Terzo e ultimo chi scrive. Mi sono concesso un racconto sintetico e essenziale della cultura
letteraria primonovecentesca a Catanzaro e dintorni, facendo nomi e cognomi di studiosi che
hanno veramente illustrato la cultura del tempo, e non solo: Vincenzo Vivaldi, Giovanni Patari, Siro
Chimenz, Giuseppe Casalinuovo, Umberto Bosco e altri, e soprattutto sottolineando l’importanza
fondamentale di due istituzioni di grande richiamo e vivacità culturale come il Liceo Galluppi e la
Biblioteca Comunale governata in modo insuperato dal mitico don Filippo de Nobili.
Per poter intrattenere adeguatamente i nostri amici, mi sono documentato -ritornando alle
origini- soprattutto riprendendo in mano Per la Calabria di Patari e “U Monacheddu”, la rivista
che Giovanni Patari (Alfio Bruzio) ha fondato, diretto e scritta quasi tutta da lui tra il 1903
e il 1905. La riproduzione fotomeccanica procurata dall’editore catanzarese Ursini me l’ha
regalata, insieme alla Storia della Calabria di Augusto Placanica e ai due volumi della Storia
della Calabria nell’era moderna di Gustavo Valente, l’impagabile amico Marziale che
non contento di tanta munificenza mi ha fatto dono della Divina Commedia tradotta in
dialetto calabrese da Salvatore Scervini, pubblicata dall’editore Brenner (il mio primo editore),
che sto centellinando nell’aurea misura di un canto al giorno, sottolineando soluzioni lessicali
felicissime e termini di suono memorabile e altri del tutto sconosciuti alla mia insufficiente
conoscenza del dialetto cosentino di un secolo e mezzo fa.
Questa premessa era dovuta per sottolineare il compiacimento di qualche “occasione” di
vivere felicemente la stagione e il luogo nel migliore dei modi possibili.
Giovanni Patari (Catanzaro, 1866-1948) conosciuto anche con lo pseudonimo Alfio Bruzio,
fu professore al “Galluppi” ed esercitò un eccellente magistero interpretando al meglio il ruolo
di intellettuale di provincia colto e raffinato ed esponente prestigioso della vivacità culturale
catanzarese nelle sue varie forme e generi: dalla poesia Tirripitirri (1926) al giornalismo “U
Monacheddu”, alla saggistica letteraria nei volumi Sul Rinaldo del Tasso, Critiche e polemiche
boccaccesche, Per la Calabria; alle prose di commosse descrizioni Terra di Calabria.
Il mio primo impatto con Patari avvenne nell’adolescenza-prima giovinezza, grazie a Per la
Calabria. Un libro certamente “trattenuto presso di me” dalla biblioteca di mio zio Ciccio, come
si ricava evidentemente dalla dedica dell’autore “all’amico Francesco Aracri, simpatico ed elegante
dicitore, per mio ricordo Giov. Patari (Alfio Bruzio), Catanzaro 7.4.934. XII”. Avendo sposato
Norma Chiefari, nipote dell’Aracri, mio zio divenne nipote acquisito del gentiluomo di Petrizzi.
L’ho ripreso in mano per la serata di fine agosto al “Club Dino” e mi sono riletto le
trecento e passa pagine ricche di avvenimenti culturali, di rievocazioni storiche e letterarie, di
ritratti di autori che sorprendono per l’acutezza di giudizio, lo scrupolo della ricostruzione, la
passione dell’uomo di lettere che crede fermamente nella letteratura, l’attenzione che rivolge a
quegli operai della parola che per tutta la vita hanno inseguito quella luce, grande o piccola che
fosse, che dispensa l’opera letteraria a chi si dispone a “noctes vigilare serenas”.
Temi e argomenti che tenevano desta la memoria d’una cultura regionale altrimenti
condannata alla dimenticanza come per esempio Vinti e sommersi nella letteratura calabrese
del secolo XIX; Politica e cultura in Calabria prima del 1860; Vita letteraria in Catanzaro
nel secolo XIX; Il R. Liceo-Ginnasio Galluppi. E quindi i veri e propri saggi di critica letteraria:
Domenico Mauro letterato e patriota; L’opera poetica di Domenico Milelli; le pagine
dedicate al prestigioso traduttore di Platone Francesco Acri, al famoso poeta in latino Diego
Vitrioli, allo scienziato-scrittore Antonino Anile.
La mia adolescenza ebbe di che nutrirsi fuori dal “carcere” scolastico. E dopo più di
mezzo secolo rileggere quelle pagine, colorate dai segni del tempo, mi ha provocato una forte
emozione e la decisa “sprezzatura” per “le cose occorrenti” ai nostri tristi giorni segnati da
volgarità e disprezzo per “le cose senza compenso” nella proclamazione e pratica della
illegalità più spudorata fatta norma e legge.
Naturalmente anche in Patari il mestiere del letterato indulge talvolta alla mitizzazione di valori
e uomini che costituiscono il tessuto connettivo della società con l’immancabile riconoscimento
di privilegio dell’èlite intellettuale (che non fu mai e non è di merda, come l’ha recentemente
definita un minuscolo ministro berlusconiano), ma che è istituzione delegata a rappresentare la
nobiltà del pensiero, che è altra cosa dall’insania e dall’anticultura della, ahinoi, classe governante.
Tiripitirri è senza dubbio un’opera compiutamente rappresentativa dell’attività poetica di
Patari: quasi trecento sonetti di gradevole freschezza che sono il ritratto fedele e commosso di
personaggi tipici, di consuetudini stratificate, di opposizioni esistenziali ataviche, delle situazioni
di vita cittadina affidate alle “novità de ‘u jornu”, della inevitabile comparazione tra “mundu
vecchiu e mundu novu”, dell’eterna canzone dell’amore nelle sue infinite specie e modalità:
soddisfatto, respinto, geloso, tradito, vendicato, calunniato, spiato, sofferto, osannato, degradato.
Il tutto condito col sale della satira e dal lieve patetismo nel breve respiro dell’annotazione
di costume e della circoscritta vita d’una società dopotutto irrimediabilmente provinciale.
Se questa parte della produzione può definirsi “mezzo giovedì grasso”, non manca l’altro
“mezzo venerdi santo”. Come si sa, è la celebre e perfida definizione che Manzoni diede
del romanzo del Tommaseo Fede e bellezza. Infatti Patari compone anche un ciclo intitolato
’A Simana Santa e ’A Pigghjata .
Occorre dichiarare che Patari mostra grande perizia nell’uso del sonetto, grazie al sapiente
impiego delle strutture metriche e prosodiche, della rima che è naturalissima, e d’una lingua
fortemente caratterizzante cadenze e formule tipicamente dialettali. Qualità che rendono la
lettura piacevole anche a chi non ha dimestichezza col dialetto catanzarese.
L’ineffabile Marziale Mirarchi mi ha dato anche un numero de “La Giovane Calabria” del 2
luglio 1926, XXIV, n° 24 -settimanale pubblicato a Catanzaro ogni giovedì- dove a p. 2, in
fondo a sinistra, viene pubblicata una lettera del Prof. Cesareo, dell’Università di Palermo, a
Patari per ringraziarlo dell’invio di Tirripitirri del 18.6.1926. Eccola:
Caro ed illustre professore, avevo appena finito di leggere la prosa semplice e fresca del suo
volume “Terra di Calabria”, quando mi è giunto, desiderato e graditissimo dono, “Tirripitirri”.
Versi pieni di sapore, circonfusi d’aria e di luce, odorante di spicanardo, come la tela
sincera della nostra massaia chiusa nei saldi cassettoni d’abete. C’è la potenza del dramma,
come nella “Pigghjata” e c’è la ruvida grazia dell’idillio come nei “Palumbi”; c’è la mordente
ironia di “A lanterna magica”, e c’è la passione contenuta e bella di “Vrasci ’e cora”.
Nessun poeta regionale sa trattare oggi così varie corde con arte così penetrante come la sua.
Anche la generosa Calabria ha oggi finalmente il suo poeta degnissimo di stare a paro coi
migliori delle altre regioni di Italia. La ringrazio, caro amico, del dono prezioso, e le stringo la
mano con ammirazione sincera. Suo aff. G. A. Cesareo.
Il primo numero de “U Monacheddu” esce il 1° febbraio 1903 e l’ultimo il 3 settembre 1905,
a. III, n. 35. Il sottotitolo recita: Giornale del popolo catanzarese. Si pubblica ogni domenica.
Per tre anni la vita quotidiana di Catanzaro, dalla passeggiata serale alla degustazione del
gelato a Moniaci, dalla riparazione di fogne e condutture dell’acqua, dalle liti di ballatoio agli
spettacoli e ai divertimenti, dalla moda alle manifestazioni culturali, dalle attività sportive ai
“salotti” della Catanzaro bene, è raccontata e illustrata nelle pagine de “U Monacheddu” che
Patari scrive quasi completamente lui, con qualche collaborazione prestigiosa di intellettuali
che svolgevano le loro professioni in città ma che adoperavano, nella circostanza, spiritosi
nomes de plume, peraltro facilmente individuabili.
L’editoriale del 1° numero è una poesia ’A prima predica di Patra Giovanni (= Patari) e il
titolo indica chiaramente che perlopiù il giornale svolgerà un ruolo di critica costruttiva
prendendo di petto tutte quelle cose che non vanno, senza indulgenza di sorta.
A sfogliare le ampie pagine del settimanale, si ha l’impressione di assistere alle varie
vicende quotidiane minime e massime, importanti e futili, felici e miserabili nello scorrere delle
ore e ti sembra di assistere alle sequenze di un film che, nonostante sia passato più d’un
secolo, ti appare come se fosse girato oggi con qualche lieve modificazione di dettaglio. La vita
è ripetitiva e non è il caso di fare discorsi sui massimi sistemi.
Mi piace, per finire, citare dal n° 26 del 2 agosto 1903 un pezzo dedicato a “A la marina ’e
Suveratu”: “Paria na jettatura aguannu ccu si bagni: genti ’on da sunnu ’e nenta a la Marina”
[…] e su Suveratu daveru esta bellu?, n’d’haju ntisa parrara sempra bena. Sì, è na bella
marina! U mara esta chiaru cchi poi cuntara puru i cuticchi cchi sunnu sutta, e poi nc’esta na
passiata vicinu a praia chi esta propriu na bellezza.
Nel n° 46 del 27-28 novembre 1904 c’è la notizia dell’ ufficio postale di Soverato rimesso a
nuovo dal Signor Giovanni Calabretta “tutt’è in ordine, tutt’è elegante, tutt’è super chic. Le pitture
in quell’edificio sono opera riuscita del nostro concittadino, decoratore Signor Vitaliano Bruno.”
Nel n° 25 del 18 giugno 1905, p. 3, c’è l’annuncio pubblicitario che “a prezzi miti, per
la prossima stagione balneare, a Soverato, nel Palazzo del farmacista Sangiuliano, stanze e
quarti vasti eleganti, esposti a mezzogiorno, con incantevole veduta a mare, sul Corso, sulla
campagna e sulla ferrovia. Rivolgersi esclusivamente al proprietario”
Ho voluto citare questi tre luoghi per carità patria che spero non producano invidie e
mormorazioni.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it