Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
COMUNE DI BADOLATO Servizi Demografici – Ufficio Anagrafe
Autore:Vincenzo Rudi     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/08/2021 - Anno: 27 - Numero: 2 - Pagina: 18 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

FIGLI MINORI LASCIATI SOLI I N AUTO

Letture: 135               AUTORE: Caterina Campagna (Altri articoli dell'autore)        

Spesso capita di dover svolgere alcune commissioni, portando con sé i figli per non lasciarli soli
in casa. Ma con i bambini al proprio seguito è difficile, in determinate circostanze, conciliare tempi
e impegni. Così, quando si tratta di pochi minuti, si decide a volte di lasciarli all’interno dell’auto
in attesa che il genitore, nelle vicinanze, sbrighi le proprie incombenze. Può però accadere che un
imprevisto dilati i tempi preventivati e che il genitore (o anche l’accompagnatore) si intrattenga più
del previsto. In queste situazioni ci si chiede cosa si rischia a lasciare i bambini soli in macchina;
quali possono essere le conseguenze giuridiche nel caso in cui un vigile o un carabiniere dovesse
passare di lì per caso o perché sollecitato da qualche passante.
Il codice penale, al suo art. 591, stabilisce che «chiunque abbandona una persona minore degli
anni quattordici ovvero una persona incapace, per malattia di mente o di corpo, per vecchiaia o
per altra causa, di provvedere a se stessa e della quale abbia la custodia o debba avere la cura, è
punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni».
Pertanto il genitore che lascia in macchina i propri figli minori incustoditi, anche solo per poco
tempo, privandoli della possibilità di uscire in caso di pericolo o di volontario allontanamento,
commette il reato di abbandono di persone minori o incapaci. Tale norma, infatti, tutela la
sicurezza della persona fisica contro determinate situazioni di pericolo, anche in caso di abbandono
temporaneo.
Il descritto negativo comportamento dell’adulto è univocamente ricondotto dalla giurisprudenza
penale all’ipotesi criminosa dell’articolo 591 c.p. (abbandono di minori o incapaci), eventualmente
aggravato ai sensi del suo 4° comma, ove il fatto sia posto in essere dal genitore.
Si deve precisare che la legge penale punisce la condotta di chi lascia da soli in macchina i
minori, allorché questi ultimi non abbiano compiuto l’età di 14 anni. Tuttavia il giudice valuterà
discrezionalmente la gravità del caso tenendo prevalentemente conto proprio dell’età del bambino:
chiaramente un bimbo di 10 anni, ritenuto sufficientemente maturo sotto il richiamato profilo sia
dalla psicologia che dalla giurisprudenza, può essere lasciato solo per pochi minuti, mentre ciò non
è possibile quando il bambino ha invece pochi mesi di vita.
Il reato è aggravato –sicché si applica una pena più grave– quando lo stesso fatto viene
commesso da uno dei genitori o da entrambi.
La legge punisce il reato non in base alla durata dell’abbandono, ma piuttosto avuto riguardo
all’incolumità del minore posta in pericolo dalla condotta sanzionata, sicché il reato risulta
integrato anche nell’ipotesi di abbandono temporaneo. In altri termini la norma del’art. 591 Codice
Penale tutela il valore etico–sociale della “sicurezza” della persona fisica minore o incapace contro
determinate situazioni di pericolo fatte insorgere da chi ha il dovere di proteggerli. L’interesse
tutelato dalla norma penale deve ritenersi violato “anche quando l’abbandono è relativo o parziale”
(così la Corte Suprema di Cassazione Sez. 5, n. 15245 del 23/02/2005 – dep. 22/04/2005, N., Rv.
232158).
Anche i giudici di merito, peraltro (come pure recentemente il Tribunale di Trento – Sezione
Penale – con la sentenza 26 marzo 2018 n. 150), sulla scia dell’insegnamento della Suprema
Corte, ritengono, in conclusione, che la condotta del genitore, consistente nel chiudere i propri
figli in macchina con privazione della possibilità di poterne uscire in caso di pericolo o necessità
e volontario allontanamento (con tutte le precisazioni sopra specificate), non può che integrare il
reato di abbandono dei figli minorenni, aggravato, in tale ipotesi, dalla circostanza che il fatto viene
posto in essere appunto dal/dai genitore/i.
L’avvocato
(Avv. Caterina Campagna)


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it