Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
U MORTÀRU
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/04/2019 - Anno: 25 - Numero: 1 - Pagina: 37 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

LIBRI RICEVUTI

Letture: 105               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Da Domenico Lanciano:
Domenico Lanciano, Una carezza per Riace – Lettera a Tito n°
224, Edizione dell’Autore, Azzurro Infinito – Mare di Vasto, ottobre
2018.
Come ormai da anni Mimmo Lanciano scrive usando la formula
della “Lettera a Tito”, in cui Tito è il titolare del sito www.costajonicaweb.
it, di Messina. Con questa 224ª Lettera, che a noi ha
mandato in forma stampata (libretto di 44 pagine) il nostro Mimmo
intende esprimere tutta la sua vicinanza e l’apprezzamento e l’affetto
per Mimmo Lucano, Sindaco di Riace (RC) che sta passando
dei guai giudiziari perché avrebbe commesso delle irregolarità
nell’organizzazione e nell’attuazione dell’accoglienza agli immigrati
provenienti da ogni parte del pianeta. e ospiti nel suo Comune.
Una “lettera” ricca di esperienze, riferimenti, notizie di tipo storico,
politico, sociale… da leggere e da conoscere per avvertire quanto
Mimmo Lanciano sia preso e compreso dal discorso “immigrazione”
e dal caso “Sindaco di Riace”
Da don Leonardo Calabretta:
Leonardo Calabretta (A cura), La Certosa e Serra nel ricordo
dei visitatori, TLM sas, Serra San Bruno 2018.
Scrupoloso, e inappuntabile come sempre, e come sempre vicino
a “La Radice”, Monsignor don Leonardo Calabretta questa volta
ci regala un’opera non voluminosa, ma comunque ricca di stralci
di pregevoli scritti sulla Certosa di Serra San Bruno, dovuti alla
firma di illustri studiosi e/o viaggiatori che hanno visitato, prima
e dopo il terremoto del 1783, questo grande tempio della Cristianità.
Vi si leggono, quindi, in questo elegante libretto, interessanti
ed anche emozionanti brani di Johann
Herman von Riedesel, Henry
Swinburne, François Lenormant; e
anche di Donato Andrea Marinis,
G. Battista Pacichelli, Giuseppe Maria Galanti, Cesare Lombroso,
Corrado Alvaro, Leonardo Sciascia.
Da Silvestro Bressi:
Antonio Bressi, Amato - tra galantuomini e briganti, Titani Editori,
Roma 2018.
Una monografia dalla struttura piuttosto originale in cui, più che
la sequenza di fatti e avvenimenti, si racconta l’umanità di singoli
personaggi, le attività produttrici degli Amatesi. Attraverso minuziose
ricerche d’archivio si scoprono vicende e storie di briganti e dei loro
intermediari e manutengoli. Numerose e belle le fotografie d’archivio,
in bianco e nero.

Silvestro Bressi, Venditori ambulanti sui tre colli – Fiere, mercati,
voci e personaggi di Catanzaro, Ursini Editore, Catanzaro 2018.
Un altro bel prodotto editoriale del versatile amico Silvestro
Bressi, appassionato di teatro, assiduo e scrupoloso ricercatore della
storia della sua Catanzaro e della Calabria.
Questo nuovo libro, che si presenta da solo già a leggere il titolo,
è impreziosito dalla pregevole e meritata prefazione dell’Antropologo
professor Vito Teti dell’Università della Calabria.
Da Antonio Barbato:
Vittorio Butera, Lettere in prosa e in versi, Centro Studi Vittorio
Butera – edizioni, Conflenti (CZ) 2008.
Una bella edizione dell’interessante opera dell’ingegnere di
Conflenti vissuto a Catanzaro, Il Centro Studi a lui intitolato, che
ha sede nel suo paese natale, sta valorizzando la vasta produzione di
questo intelligente e colto figlio di Calabria che spazia dal dialetto
alla tradizione regionale, dall’ambiente nelle sue varie accezioni al
folclore e quindi agli aspetti antropologici dei Calabresi
Da Ettore Gallelli Benso de
Salazar:
Luca Primerano, Calendario
Storico di Badolato, Editore
Barone Ettore Gallelli Benso
de Salazar, Tipografia Legatoria
Giannotti, Roma 2018.
L’elegante volumetto regalatoci
è molto più che un normale
calendario, anche se il maggior
numero delle pagine è impegnato
a riportare i nomi, con relativi
attributi, dei Santi della Chiesa
Cattolica: una ricchezza non
facilmente riscontrabile in altri
testi. Contiene anche notizie di
carattere astronomico e geografico. Una parte corposa del testo tratta
di Araldica, con notizie varie e nomi di Feudatari. In particolare,
nella parte finale, pagine che riguardano direttamente Badolato, da
Roberto il Guiscardo in poi. Chiudono: una scheda su Badolato, notizie
utili e un breve album fotografico.
Da “Mondo X” dell’ex Convento francescano di Badolato:
Padre Eligio, Le vacche, Vallecchi Editore, Firenze 1975.
Un libro che probabilmente Padre Eligio Gelmini non avrebbe
scritto se non gliene avessero fatto richiesta i suoi ragazzi. E lui li ha
accontentati, scrivendo con la chiarezza e la determinazione con cui di
solito agisce. Un libro in cui racconta la sua vita, fin dalla nascita, ma
sempre con l’intento di perseguire, anche attraverso la scrittura, l’obiettivo
per il quale ha dedicato tutta la sua vita: agire, relazionarsi, amare.
Da Giuseppe Parretta:
Giuseppe Parretta, Racconti Fatti ed Episodi, Edizione dell’Autore,
2018.
Un volumetto che raccoglie quindici fatti ed episodi realmente
accaduti, di cui alcuni già pubblicati su “La Radice”, ed un racconto
ascoltato dalla nonna. Un libro scorrevole, in cui le storie, personali
e di comunità, vengono raccontate -come dichiara l’Autore- per i
propri figli e nipoti, perché leggano, perché sappiano, perché prendano
coscienza di come questo mondo camminava. E cammina.
Da Pino Carella:
Pino Carella. Il teatro di Pino Carella – Storie d’altri tempi, Arti
Grafiche Edizioni, Ardore Marina 2016.
Un libro che, in fondo, è un piccolo saggio (tre sole opere) della
vasta produzione teatrale di Pino Carella, tra l’altro Presidente
dell’operosa Associazione teatrale di Roccella Ionica, qualificato
44 sono i nuclei “umani” (abitazioni, botteghe, negozi, aziende) che esistono a sud del ponte
Vodà sulla S.S. 106 in Badolato Marina, da Graziano a Melindus, a Costatèhṛa e oltre).
regista oltre che ideatore e conduttore di “Radici”, in onda dall’emittente
televisiva “Telemia”. Nell’interessante volume c’è anche
spazio per alcune poesie-canzoni, ed anche -cosa che non guasta- tre
utili pagine sul sistema ortografico-accentativo.
Da Pepé Argirò:
Domenico Dara, Breve trattato sulle coincidenze – Romanzo,
Biblioteca editori associati di tascabili, Roma 2016
Un libro vincitore di parecchi premi e ottimo finalista in altri di
respiro più ampio. Un’opera di narrativa, ambientata in Calabria, qui
dalle parti nostre, che affascina per la trama e coinvolge per l’originalità
operativa di alcuni personaggi.
Un’opera inoltre, in cui la
lingua s’impone per l’uso serio
ed appropriato che se ne fa.
Abbiamo pure ricevuto, dopo
averla ricercata, una tesi su un illustre personaggio badolatese:
Antonietta Parrotta, Tesi di Magistero, Francesco Caporale e
il settimanale Cattolico “Vita Nuova”, Relatore don Mario prof.
Squillace, Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, Catanzaro,
Anno Accademico 1990-91.
Trecentoquarantadue pagine per riprodurre tutti gli scritti del
prof. don Ciccio Caporale, laureato utroque iure comparsi sul settimanale
“Vita Nuova” dal 1912 al 1958. Un lavoro veramente importante
dovuto alla scelta del prof. don Mario Squillace, tanto attento
e anche -pare- vicino al pensiero del prof. Caporale, e all’impegno
della gentile signora docente Antonietta Parrotta che ringraziamo
anche da queste colonne.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it