Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:
“Estinti a Casa”
Autore:Vincenzo Piperissa     Data: 30/06/2005  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2017 - Anno: 23 - Numero: 3 - Pagina: 15 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

GRAZIANO SIA

Letture: 401               AUTORE: Giulio De Loiro (Altri articoli dell'autore)        

l’emigrato-poeta satrianese a cui in Svizzera è stata dedicata una via

Nella storia recente di Satriano l’emigrazione resta un importante capitolo che ha determinato una
svolta epocale nella storia di questo borgo calabrese.
Particolarmente interessante è la pagina legata all’emigrazione in Svizzera, che inizia ai primi
anni ’50, quando arrivano nel Canton Ticino e trovano lavoro nelle cave di granito delle valli di
Biasca ed Iragna alcuni scalpellini satrianesi, a cui si aggiungono negli anni successivi muratori,
manovali e contadini che per trovare lavoro si spingono nei cantoni tedeschi e francesi.
L’ultimo flusso migratorio dei satrianesi in Svizzera interessa gli anni ’70 e vede protagonisti
soprattutto i giovani di Satriano, che trovano occupazione nelle fabbriche, nella ristorazione e nel
terziario.
Questi figli di Satriano lasciano in Svizzera il segno della loro presenza, anche perché riescono
ad integrarsi nel tessuto sociale e produttivo nei vari centri in cui trovano una sistemazione di lavoro,
tant’è che oggi l’ultima generazione degli emigrati satrianesi in Svizzera occupa posti dirigenziali
nelle industrie, nelle banche, nei comparti dell’alta tecnologia e finanche nelle istituzioni.
La zona della Svizzera in cui si è concentrata gran parte degli emigrati satrianesi è Biasca, una
cittadina del Canton Ticino, che è legata a Satriano da un gemellaggio sancito dalla volontà delle due
amministrazioni comunali.
Tra le figure più rappresentative dei satrianesi in Svizzera, una menzione speciale merita Graziano
Sia, un emigrato satrianese che in terra elvetica si è affermato per il suo amore per la poesia, e in
seguito alle sue pubblicazioni la comunità di Balerna, un paese del Canton Ticino dove l’emigrato
satrianese ha svolto negli ultimi anni il lavoro di stalliere, ha dedicato a Graziano una via con
l’indicazione di “poeta”. E ciò su precisa sollecitazione del suo datore di lavoro e di molti cittadini,
che avevano avuto modo di leggere i libri di poesie di Graziano.
La sua è una storia che merita di essere raccontata, perché è una storia particolare, in quanto
capita di rado di imbatterci in un emigrato che si afferma all’estero per la sua produzione letteraria.
Graziano Sia nasce a Satriano nel 1948 in una famiglia di contadini, le cui condizioni economiche
costringono il padre Giovanni a partire nel 1951 per Buenos Aires, lasciando l’onere della crescita di
tre figli sulle spalle di mamma Rosa, una donna timorata di Dio, che a Satriano ancor oggi si ricorda
sia per i grossi sacrifici che ha fatto per la famiglia che per la bontà e generosità con cui è sempre
stata vicina alle persone sofferenti.
Graziano frequenta le scuole elementari del suo paese, dove ha la fortuna di avere come maestro
Ciccio Iannone, un educatore diligente, che Graziano ricorda con grande affetto, anche perché resta
colpito dalla sua morte improvvisa che avviene in classe davanti agli allievi.
La frequenza della scuola media per Graziano è meno assidua, perché grandicello e pure
sviluppato nel fisico, divide i giorni di scuola con le prime esperienze di lavoro: la famiglia, anche per le precarie condizioni di salute del padre ritornato dall’Argentina, ha bisogno, per cui
Graziano fa di tutto per trovare una “giornata” di lavoro o nei campi come garzone contadino o
come manovale edile.
Esperienza questa che Graziano intensifica subito dopo il conseguimento del diploma di licenza
media, e che per lui sarà utile, anche perché ha la fortuna di lavorare con una certa continuità
accanto a Francesco Riverso e Pietro Scicchitano. Quest’ultimo era un agricoltore che possedeva
un’apprezzabile cultura e che durante il lavoro non mancava di intrattenere il giovane su tematiche
storiche e sociali, dando al giovane amorevoli consigli, che gli sono stati utili per la sua formazione.
A 17 anni emigra in Svizzera, dove trova lavoro come minatore. E stimolato dal salario, lavora
duro e con le rimesse inviate alla mamma è di grande aiuto alla propria famiglia. Infatti, pur
concedendosi qualche piccola evasione, non sperpera il suo guadagno ed in pochi anni si ritrova
un gruzzolo consistente che gli consente di ritornare al paese e sposare Caterina Procopio, la bella
cugina, sulla quale da tempo aveva messo gli occhi addosso.
Dal matrimonio a Graziano nascono tre figli: Davide, Giovanni ed Alessandro, oggi tutti sistemati
con un lavoro sicuro e ben retribuito. Orgoglio della famiglia di Graziano è soprattutto il figlio
Alessandro, avvocato, impiegato a Berna nella Confederazione Svizzera e nel contempo impegnato
a Londra in un dottorato di ricerca.
Ma il fatto per cui la storia di Graziano resta eccezionale è che durante tutti gli anni di lavoro,
prima come minatore, e negli ultimi anni, per ragioni di salute, come stalliere, egli trova sempre il
tempo per scrivere.
Scrive racconti e soprattutto poesie, trovando ispirazione nei ricordi del suo borgo e nelle sue
esperienze di vita: Satriano con le sue viuzze, l’incanto dei suoi paesaggi e i disagi vissuti dalla gente
sono i motivi della sua ispirazione, unitamente al ricordo dei genitori, dei fratelli, dei nonni e dei
vecchietti della “ruga”.
Ma a scaldare il cuore di Graziano come poeta concorre pure la moglie Caterina e i suoi tre figli,
il cui rapporto alimenta le emozioni più profonde della poesia di Graziano, che scrive e pubblica le
sue opere, sia in Italia che in Svizzera: dal 2003 al 2016 dà alle stampe ben sette volumi, in Svizzera,
a Torino, in Liguria, in Calabria. Pubblicazioni che consentono a Graziano di ottenere alcuni premi
speciali (a Venezia, a Torino, a Siena,…), in quanto nelle sue opere trovano spazio profonde emozioni
legate ai ricordi del suo paese e ai sacrifici da lui vissuti durante i 50 anni di emigrazione in terra
straniera.
Nella produzione letteraria di Graziano, Satriano, il paese dove nacque e visse un’infanzia
difficile, e dove egli quasi per incanto ritorna con le sue poesie e con i suoi racconti, resta il tema
centrale in cui si affonda il ricordo delle persone che hanno avuto gran peso nella sua crescita, in uno
scenario in cui vengono rimarcati comportamenti di onestà, lealtà e di solidarietà umana.
Comportamenti che di fatto hanno segnato la storia di questo borgo e che, perciò, conservano
il sapore di valori veri e profondi, di cui Graziano come satrianese non può fare a meno, in quanto
hanno sistematicamente caratterizzato il percorso della sua vita.
Per questa ragione, la poesia di Graziano diventa, un’operazione culturale che serve all’emigratopoeta
per ricercare nel microcosmo del suo passato aspetti di vita semplice e comportamenti seri e
lineari, che per lui sono fondamentali per guardare al futuro suo e dei suoi figli con gli occhi della
speranza.
Tra le liriche più significative vale la pena ricordare “Il treno del sud”, una poesia che coglie
le sensazioni vissute dagli emigrati calabresi durante il cosiddetto viaggio della speranza, per cui è
stampata sulla copertina del suo libro “Due valigie di cartone, un biglietto di sola andata, poche lire
e tanti sogni”. (Per i nostri lettori la poesia è a pagina 3 di questo numero del periodico. – Ndd).


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it