Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
LIBRI RICEVUTI
Autore:     Data: 31/12/2015  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/06/2006 - Anno: 12 - Numero: 2 - Pagina: 39 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

IL BACO DA SETA

Letture: 895               AUTORE: Nicolina Carnuccio (Altri articoli dell'autore)        

A Pasqua le mamme mandavano in chiesa le loro bambine a far benedire la frunda. Chiamavano cos le foglie di gelso di cui si nutre il baco da seta.
Nel nostro paese tutte le donne allevavano in casa i bachi da seta, per vendere i bozzoli o per fare col filo dorato coperte da dote.
Ad aprile, appena sui rami dei gelsi spuntavano i primi germogli, compravano le piccole uova e in una pezzuola le lasciavano per sette-otto giorni nel letto sotto il cuscino. Per altri due giorni le donne pi anziane, non impegnate nel lavoro dei campi, le tenevano al caldo nel petto. Le uova cominciavano a schiudersi e allora venivano poste in un canestro accanto a tenere foglie di gelso.
Poco dopo il canestro brulicava di larve che si attaccavano voraci alle foglie. Le donne, prendendo una foglia alla volta, trasferivano le larve in canestri pi grandi e poi, quanderano ancora cresciute, su graticci di canna.
I bachi mangiavano in continuazione e ogni otto giorni cambiavano veste. Era una grande fatica per le donne doverli nutrire. Andavano a piedi a raccogliere frunda. Partivano allalba e tornavano la sera portando sul capo un sacco stracolmo di foglie.
I gelsi erano molto diffusi nei terreni del nostro paese, eppure le foglie non bastavano a sfamare i tantissimi bachi che le donne allevavano.
Nel mese di maggio, allultima muta, bisognava spingersi nei territori dei paesi vicini per trovare gelsi non ancora spogliati, e le donne invece che allalba partivano nel cuore della notte. Dopo la quarta ed ultima muta i bachi mangiavano per altri otto giorni e poi salivano sui ramoscelli messi apposta sui graticci di canna. Cominciavano il lavoro di chiusura che finivano in 3-4 giorni. Alcuni per non riuscivano a fabbricarsi il guscio di seta e restavano sui ramoscelli avvolti soltanto in una bianca bambagia e poco dopo morivano.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it