Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
NON C’È PIÙ IL TUO PAESE
Autore:     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2009 - Anno: 15 - Numero: 3 - Pagina: 24 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

IL CERTOSINO DOM MARTINO TORALDO

Letture: 756               AUTORE: Leonardo Calabretta (Altri articoli dell'autore)        

I certosini nati in Calabria sono diverse decine. Tra loro due sono nati a Badolato: Dom
Urbano Fiorenza (1584-1640) e Dom Martino Toraldo. Dom Urbano Fiorenza viene menzionato
da diversi storici, mentre Dom Martino Toraldo viene ricordato quasi esclusivamente dagli storici
dellOrdine certosino1.
D. Martino nacque a Badolato intorno al 1453 dallillustre famiglia dei baroni Toraldo ed ebbe per
fratelli carnali Adamo, che fu presente quando i certosini ritornarono nella Casa di S. Stefano del Bosco2,
e Francesco, rimasto miracolosamente illeso nella caduta dallaltissime balze della Citt di Tropea3.
Dopo aver conseguito in Napoli la laurea in utroque jure, Martino nel 1500 entr nella
certosa di S. Martino e vi fece la professione religiosa, guarendo subito, non senza meraviglia di
coloro che lo avevano conosciuto prima, da un difetto di pronuncia (blesus lingua)4.
Morigerato nei costumi, esatto nellosservanza della regola, umanissimo nel tratto, fu nominato
procuratore (= economo) della certosa di S. Martino a Napoli. Nel 1514 accompagn il suo
priore D. Luigi dAragona a prender il possesso della Certosa di S. Stefano del Bosco. Nel 1515
era procuratore della Certosa di S. Martino, quando, a seguito delle lamentele dei monaci e dei
fedeli di Serra per il dono che labate cistercense Pietro nel 1224 aveva fatto della testa di S. Bruno
alla Certosa di S. Martino, caldeggi la restituzione delle reliquie alla Casa calabrese. Fu proprio
per lintervento del Toraldo che papa Leone X ne ordin la restituzione il 16 dicembre 1523.
Ritornato nella sua Casa di professione, fu destinato priore nella certosa di Padula. Vi dimor
con piena soddisfazione di quella comunit circa sette anni (1516-1523). Ritornato nella propria
Casa, dopo qualche tempo fu chiamato a governare la Certosa di Chiaromonte (1528-1532).
Dal 1533 al 1534 fu rettore della certosa di Serra e nel 1538, essendo ospite nella stessa
certosa calabrese, vi fu nominato vicario. Non potendo tuttavia dimenticare la sua Casa di
professione, cerc con calde istanze di ritornarvi. Esaudito nei suoi desideri, pass in silenzio,
solitudine e contemplazione delle cose celesti gli ultimi giorni della sua vita terrena. Cos, sazio di
anni e lasciando di s una fama immortale, mor nonagenario il 13 (18) novembre del 1541.

1. B. TROMBY, Storia critico cronologica diplomatica del Patriarca S. Brunone e del suo Ordine cartesiano,
Napoli 1773-79, tomo decimo: 1, p. 155; TUTINI C., Prospectus historiae ordinis carthusiani, Viterbii 1660,
pp. 142-143; L. LE VASSEUR, Ephemerides Ordinis Cartusiensis, Monstrolii, MDCCCXCII, IV, p. 384;
P. BASTIN, La Chartreuse de St Bruno en Calabre daprs les Cartes des Chapitres Gnraux, manoscritto,
Archivio della Certosa di S. Stefano del Bosco (senza data).
2. B. TROMBY, o.c., tomo nono, p. 330.
3. TUTINI, o.c., pp. 136-137.
4. TUTINI, o.c., pp. 142-143.


E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it