Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
IL TRIONFO DELLA POESIA
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2004 - Anno: 10 - Numero: 3 - Pagina: 15 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

IL MUSEO

Letture: 1093               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Il 5 gennaio 1987, sullonda emotiva ed anche un po contestataria del noto articolo di giornale di Mimmo Lanciano che avanzava lipotesi di vendere Badolato per tentare di fermarne la progressiva morte, c stato un Convegno -lunico- , nella sala consiliare del vecchio borgo, per fare il punto sulla situazione del momento e per studiare un eventuale programma di rivitalizzazione del moribondo. Era presente lassessore regionale al turismo Ubaldo Schifino, il quale, nelle intenzioni di chi aveva fatto di tutto per assicurarsene la presenza, avrebbe certamente dato il suo autorevole contributo nellesame del modo migliore da adottare per il recupero del Centro Storico e delle problematiche annesse di sviluppo turistico, economico, sociale e culturale. (Sullargomento La Radice ha pubblicato un dossier nel n 3 dellanno 1996). Tra gli interventi, numerosi e disarticolati, quello del sottoscritto che proponeva la valorizzazione turistica di tutto il territorio comunale mediante la creazione di un museo che, allocato in un qualche palazzetto del paese, raccogliesse quanto era avanzato allo scempio sistematico con cui erano stati distrutti o scambiati con mobili e secchi di plastica gli innumerevoli oggetti della civilt contadina e artigiana. A tale struttura si sarebbero dovuti affiancare, secondo una specifica programmazione, alcuni frantoi (a trazione animale), alcuni palmenti, qualche carcra, alcuni mulini (ad acqua) e delle botteghe artigiane: tutti elementi che, insieme alle chiese e ad alcuni non trascurabili ruderi come la torre campanaria, la porta e Jpacu e altri, avrebbero costituito un museo aperto. In risposta, lassessore regionale Schifino ha fatto spallucce. Gli altri, badolatesi, amministratori e non, non hanno dato peso alla proposta. Il risultato non c chi non lo veda.
Quattro anni pi tardi nacque La Radice con lobiettivo primario di creare quel museo, ma non ci sono mai state le risorse economiche per realizzarlo. stato prodotto tanto altro, in verit, ma il museo no. Perch nessuno ci ha aiutato.
Da quel 5 gennaio sono passati pi di 17 anni: tempo prezioso perduto. E perduti quei reperti che, sebbene gi pi che decimati, si trovavano ancora nelle vecchie case e nei catja di Badolato. Oggi quasi il deserto. Tuttavia, forse donchisciottescamente, abbiamo ancora fisso lo sguardo sul territorio; e in qualche modo stimolati anche da alcuni regali (un telaio, un alambicco, una madia, ecc.) riteniamo sia ancora possibile, oltre che doveroso, salvare parte almeno di quel poco che rimasto. E non solo per fini turistici, ma anche e soprattutto perch una calamit la scomparsa di questi sia pur poveri segni delluomo che ci ha preceduti.
E allora!? Ancora al lavoro! Stiamo bussando con ostinazione a numerose porte. E se n aperta gi una: Giovanni Paparo, nostro giovane professionista che vive ed opera in Spagna, ha donato a La Radice la forgia datagli dal nonno materno mastro Gianni Saraco, che per lunghi anni stato fabbro serio ed apprezzato in Badolato. Latto notarile, datato 30 settembre 2004, per noi da considerarsi il primo documento ufficiale di quel museo progettato e proposto 17 anni fa. Alla bont del progetto, di cui siamo ancora fermamente convinti ed assertori, si accompagna - la prima volta in questa sfera- la nobilt del gesto della donazione, per giunta da parte di un giovane, quasi ad insegnare agli adulti la via da seguire: positivit che costituiscono non comune patrimonio, da non disperdere, da potenziare, da arricchire.
Queste le linee portanti del nostro impegno, aggiuntivo, da oggi. Conosciamo le notevoli difficolt cui andiamo incontro: se nessuno si metter dalla parte nostra il fallimento assicurato. Vogliamo essere ancora pi chiari, senza alcuna reticenza: se i privati non danno la loro disponibilit -non necessariamente con donazioni- e le Istituzioni continuano a pensare solamente ad altro, il nostro impegno vano. Rimane il nobile gesto dellamico dottore Giovanni Paparo, al quale rinnoviamo il nostro sentito ringraziamento, commossi al pensiero di mastro Gianni Saraco, suo nonno, ancora tra noi: il sudore delle sue fatiche noi lo percepiamo ancora sugli arnesi e sui muri della forgia che suo nipote ha regalato ai Badolatesi, di oggi e di domani.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it