Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
COSÌ PARLAVANO I NOSTRI PADRI
Autore:     Data: 30/12/2020  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2016 - Anno: 22 - Numero: 3 - Pagina: 46 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

IMPOVERIMENTO Fuga dal Sud

Letture: 781               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Negli anni Settanta e Ottanta dello scorso secolo questo nostro Sud, e quindi la Calabria, e anche
Badolato, avevano ormai alle spalle anche la terza ondata migratoria di massa oltreoceano, degli
anni successivi alla seconda guerra mondiale e al disastro causato dalle alluvioni del 1951. N pi si
organizzavano nei nostri paesi corsi di formazione professionale per adulti, in quanto altre Nazioni
europee e le grandi citt italiane del Nord gi ospitavano centinaia di migliaia di operai pi o meno
formati allo scopo quaggi. La Scuola Media Unica, e obbligatoria, nata nei primi anni Sessanta, era
gi consolidata e stava raggiungendo gli obiettivi, quelli intenzionali, e qualcuno non intenzionale,
purtroppo dannoso nel futuro.
Diretta conseguenza dellallungamento dellobbligo scolastico da cinque a otto anni stata -e
non poteva essere altrimenti- la creazione ovunque e quindi la frequenza di Istituti di Scuola Media
Superiore. Da qui, ancora quasi naturale conseguenza, il desiderato e atteso e indiscutibile ingresso
allUniversit, dove gi cera. E dove non cera?
cominciato in quegli anni un altro tipo di esodo dei giovani calabresi, e anche lucani, che per
motivi vari non hanno privilegiato gli Atenei di Messina e/o di Bari: hanno preso il treno -che ancora
cera anche da noi- e son partiti per andare ad addottorarsi a Napoli, a Roma, a Firenze, a Bologna, a
Milano, A seconda dei gusti, delle esigenze, del portafogli, Con la legittima aspirazione di tornare
a casa da medico, avvocato, ingegnere, architetto, biologo, professore, E tornavano, a casa, in treno,
in autobus, in aereo. Tornavano a Natale, a Pasqua, per lestate. E risalivano poi, giovani pendolari,
maschi e femmine, in mezzi di trasporto spesso stracarichi di giovani, studiosi, allegri e spensierati,
con la ricarica di specialit alimentari e di affetto che la nostra famiglia sa dare. Nei mesi trascorsi fuori
casa, per mezzo di camion che facevano soltanto questo lavoro ricevevano saltuariamente da mamma
e pap pesanti pacchi pieni di salumi fatti in casa, di pelati, di formaggi paesani, persino di pane.
Ricordo ancora la conversazione di due giovani universitari badolatesi di quegli anni: discorrevano con
amarezza delle ulteriori spese che tali spedizioni comportavano per le famiglie che simpoverivano
sempre di pi; e dei tanti giovani che sarebbero rimasti a lavorare dove serano addottorati, impoverendo
la propria terra anche di cultura, e quindi di energie umane valide e qualificate.
Ma il mondo cammina, e spesso va dove noi non vorremmo: intanto nessuno riesce a fermarlo.
Oggi i treni e gli autobus non sono pi pieni di giovani che vanno su e gi dalla Calabria a Roma, a
Bologna, a Milano. E neanche gli aerei, oggi di maggiore uso, sono pieni di giovani speranze di casa
nostra. Perch la loro permanenza in citt, per motivi vari e facilmente intuibili e pure comprensibili,
va sempre pi trasformandosi da temporanea in stanziale. Questi nostri giovani, in poche parole, li
stiamo perdendo tutti, perch sempre meno numerosi sono quelli che ritornano a Sud.
Pertanto i pochi treni di cui disponiamo, specialmente nella fascia ionica della regione, e i numerosi
autobus di linea che raggiungono il Centro e il Nord, dallEst allOvest, in prossimit delle classiche
vacanze italiane per Natale e per Pasqua, sono oggi carichi di padri e madri, pi o meno anziani o
vecchi, che viaggiano per andare ad incontrare i propri figli, i loro affetti pi cari, e fare poi ritorno a
casa, nel sempre pi desolato Sud.
In questi ultimissimi anni, poi, si stanno verificando sempre pi numerosi casi di genitori che,
rimasti soli in casa, e magari con gravi difficolt per la scarsit e cronaca inefficienza dei servizi che qui
offrono le pubbliche Istituzioni, prima fra tutte la Sanit, si mettono in automobile, o prendono lunico
treno, o prenotano il solito autobus di linea ed emigrano anche loro, per andare a invecchiare e morire
in una terra cui non appartengono, ma accanto ai propri figli non pi Calabresi. Forse scenderanno
qualche volta quaggi in vacanza, nella casa che non sono riusciti a vendere. E troveranno un villaggio
che pure loro, per forzata emigrazione, hanno contribuito a rendere pi povero.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it