Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995

In inglese


HomeInfoAutoriBiografiePeriodiciCercaVideoLinkArchivioAltro spazioEstintiGestionale
Articolo meno letto:

Autore:     Data: 30/04/1994  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.ricordando.net

Comune di Badolato, servizio per la ricerca e visione dei testi conservati nella biblioteca comunale di Badolato.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 30/09/2007 - Anno: 13 - Numero: 3 - Pagina: 16 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

INDAGANDO SUL NOSTRO TERRITORIO

Letture: 205               AUTORE: AngelaMaida (Altri articoli dell'autore)        

(Del Gruppo Archeologico Paolo Orsi di Soverato, e della sua dinamica presidente, Signora
Angela Maida, abbiamo già scritto in occasione di un primo scavo archeologico (sondaggio) in Isca
Marina lo scorso anno (“La Radice”, n° 4, 31 dicembre 2006). Da allora, grazie all’impegno del
Gruppo soveratese e alla collaborazione dell’Amministrazione Comunale, a Isca Marina c’è stato un
secondo scavo, con risultati certamente non disprezzabili e che fanno bene sperare per il futuro. A noi,
che stiamo seguendo da vicino l’importante attività, anche il piacere di porgere all’attenzione dei lettori
quanto ci comunica in merito la Signora Maida, il cui Gruppo -ci piace scriverlo- è partner de
“La Radice” nel progetto di un comprensoriale Museo del Territorio.)

INDAGANDO SUL NOSTRO TERRITORIO
Il lavoro dei volontari dei Gruppi Archeologici d’Italia
Sarebbe utile una riflessione sulle motivazioni che portano tanti giovani a dedicarsi alla tutela
e valorizzazione del territorio e sarei curiosa di sapere cosa pensano, di queste persone, tutti coloro
che guardano con distacco o con disinteresse a tali fenomeni o, forse non guardano proprio.
Forse non si pensa abbastanza, forse si continua a far nascere figli senza pensare cosa siamo
disposti a lasciare loro in “eredità”, intendendo per questa, non i soldi o i beni immobili, ma
l’ambiente.
Già, perche è proprio in questo ambiente che dovranno vivere se non andranno via, ma come
lo troveranno? Quale memoria, quale storia mai scritta, quale mare, quali fiumi, cascatelle e alberi
potranno ammirare nella loro vita?
Discariche dovunque, fiumi imbrattati di ogni schifezza, montagne di plastica e polistirolo
malamente nascosti sotto cumuli di terra, uliveti ultrasecolari estinti nei roghi.
Questo è ciò che osserviamo durante
le nostre frequenti ricognizioni nei
territori comprensoriali e quanto lasceremo
in eredità ai nostri figli e ai nostri
nipoti.
Il lavoro dei volontari è soltanto un
piccolo contributo ma è un grande
esempio per guardarci intorno e,
soprattutto per rimboccarci le maniche
e cominciare a fare, aprendoci alla collaborazione
e guardando agli interessi
collettivi, ognuno può fare la sua parte.
La nostra storia è legata al nostro
ambiente e noi facciamo parte di tutto
questo.
Cercare e scrivere la storia, crescere
culturalmente, proteggere il nostro
patrimonio ambientale, culturale, storico
è l’unica strada che ci rimane se vogliamo guardare avanti.
La recente campagna di scavi nel territorio di Isca si inquadra in un contesto di rispetto
ambientale e crescita culturale; è soltanto un primo passo per capire come, dove e perchè erano
abitati i nostri territori.
Tutti i nostri paesi presentano evidenze archeologiche e la Calabria non è soltanto”Magna
Grecia”; nei nostri musei sono esposti reperti che vanno dall’era neolitica e che provengono
dai nostri paesi, le nostre colline conservano frammenti di ogni epoca; bretti, greci, romani,
bizantini hanno abitato le nostre terre.


Strade, negozi, mercati, terme, artigianato, consentivano lo scorrere della vita quotidiana.
È quanto certamente sarà messo in luce con le ricerche che proseguiranno; le indagini preventive
che da qui a poco inizieranno, si integreranno con i risultati della recente campagna.
Chiariranno i molti dubbi che affollano la nostra mente?
Ci troviamo forse nei pressi di una strada? Cosa erano le strutture che abbiamo trovato? Forse
magazzini? Cosa si produceva a Isca? Dove erano le fornaci per la produzione di laterizi? E quelle
per la ceramica? Dove venivano seppelliti i morti? La ceramica sigillata africana che abbiamo
trovato in gran quantità dove veniva sbarcata? Quale era l’approdo più vicino? Le terme che probabilmente
sono andate completamente distrutte, a chi servivano? Erano private o pubbliche? E
per concludere, quando e perchè è finito tutto questo? Forse eventi storici ci hanno coinvolti e travolti?
Chissà se questi eventi hanno accomunato altre comunità.
Non credo che pecchiamo di superbia sperando, negli anni, di contribuire a scrivere la nostra
storia, non si lavora sotto il sole di agosto, tra la polvere senza una motivazione. Noi siamo fortemente
motivati ma non dal lucro; non ci paga nessuno, vogliamo soltanto credere che la ricerca
andrà avanti e per merito di archeologi, università, storici, la nostra storia abbia un inizio e non
una fine.
I nostri progetti?
Un approfondimento delle conoscenze sul territorio comprensoriale, degli antiquarium che
raccontano la storia locale, un museo del territorio e per il territorio a Badolato.
È un sogno, un’utopia’? No, è lavoro per molti giovani, è richiamo per il turismo culturale, è
arricchimento culturale e sociale, per tutti.
AngelaMaida
Gruppo Archeologico “Paolo Orsi” - Soverato

INDAGANDO SUL NOSTRO TERRITORIO - AngelaMaida

E-mail: info@laradice.it             Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it