Associazione culturale “La Radice”
Registrazione Tribunale di Catanzaro n° 38 del 12.04.1995



Home
Info
Autori
Biografie
Periodici
Cerca
Video
Link
Archivio
Lettere
Estinti
Gestionale
Articolo meno letto:
ESPRESSIONI RICORRENTI
Autore:Vincenzo Squillacioti     Data: 30/04/2019  
WebCam su badolato borgo

Inserisci email per essere aggio Inserisci email per essere aggiornato


 LINK Culturali su Badolato:

Storia di Badolato a partire dai 50 anni della parrocchia Santi Angeli custodi di Badolato Marina, i giovani di ieri si raccontano.
www.laradice.it/bibliotecabadolato

Archivio di foto di interesse artistico culturale e storico - chiunque può partecipare inviando foto, descrizione e dati dell'autore
www.laradice.it/archiviofoto

Per ricordare chi ci ha preceduto e fà parte della  nostra storia
www.laradice.it/estinti


ACCETTIAMO:
  • MATERIALE da pubblicare o da conservare;
  • NOTIZIE storiche e d'altro genere;
  • INDIRIZZI di Badolatesi che ancora non ricevono il giornale;
  • FOTOGRAFIE di qualche interesse;
  • SUGGERIMENTI, che terremo presenti;
  • CONTRIBUTI in denaro.

Visite:
Pagine richieste:
Utenti collegati:
dal 01/05/2004

Locations of visitors to this page

Data: 31/12/2023 - Anno: 29 - Numero: 3 - Pagina: 11 - INDIETRO - INDICE - AVANTI

ANCORA DI MUSEO DOPO TRENTAQUATTRO ANNI

Letture: 483               AUTORE: Vincenzo Squillacioti (Altri articoli dell'autore)        

Non sappiamo se e quanti Badolatesi hanno pensato ad un Museo in Badolato, ma noi ab
biamo cominciato a pensarci nel 1990, quando Assunta Larocca, dopo essere stata a visitare
con la sua scolaresca il Museo della civiltà contadina e artigiana di Capistrano, ci ha proposto
di fare la stessa cosa a Badolato, avendo anche noi le condizioni e il materiale occorrente. Da
qui i numerosi incontri da cui è nata l’Associazione culturale “La Radice”, istituzione indi
spensabile per avviare il lungo percorso per arrivare al Museo. Ci siamo messi al lavoro fin da
subito, e oggi le tessere museali realizzate in tutti questi anni sono fruibili sul territorio, urbano
ed extraurbano, ma un Museo, una Istituzione dotata di atto formale, di norme, di strutture
funzionali, di personale in attività continuativa… ancora non c’è. Non ci siamo ancora riusciti!
Pur se va senz’altro detto che, insieme ad altre Associazioni abbiamo positivamente stimolato
l’Amministratore comunale con cui abbiamo presentato al momento dovuto un formale pro
getto di massima, che è stato approvato e…finanziato. Ci siamo! Ma non sappiamo quando lo
storico Palazzo Menniti, donato al Comune dalla Famiglia Scuteri a scopi sociali, ospiterà il
Museo di Badolato, non grande,
per il momento, ma ben studiato e
caratteristiche strutturali e quindi
funzionali tali da rispondere ade
guatamente ad un mondo vertigi
nosamente -e forse anche malde
stramente- in cammino.
Il Museo Diffuso Comprenso
riale, di cui coltiviamo l’idea da
decenni, partecipato con scritti e
con Convegni a gente del popolo
e a responsabili di pubbliche Isti
tuzioni, s’avvia a diventare un’u
topia. E forse nel realizzando mo
derno Museo di Palazzo Menniti
non ci sarà lo spazio per “ospita
re” le tessere museali mobili della
civiltà contadina e artigiana che a
centinaia abbiamo recuperato, anche con spese personali, e ancora dormono nei magazzini.
Relativamente al tipo di Museo in cui si espongono semplicemente oggetti poveri di una
civiltà da alcuni detta subalterna, pur correndo il (non) grave rischio di scrivere ciò che abbia
mo scritto e/o detto anche noi altre volte, ci piace qui riportare alcuni pensieri di uno studioso
d’Arte e grande cultore dell’antiquariato, Mario Praz (Roma, 1896 - 1982) la cui “Casa Mu
seo” è oggi un prezioso gioiello nel Centro Storico di Roma.
“.....non ha mai potuto o voluto aprire un museo delle arti minori, come ne esistono all’e
stero (ricordiamo i più insigni del genere il Victoria and Albert di Londra, e il Musée des Arts
Décoratifs di Parigi...... Quando da noi si penserà a organizzare un museo di questo genere
sarà troppo tardi come è successo pel Museo delle Tradizioni Popolari dell’EUR, che illustra
solo in minima parte una ricchissima produzione artigianale andata dispersa...... mentre solo
l’amore di qualche maniaco può salvare gli oggetti d’artigianato, la cui destinazione ultima è
pei contemporanei preminente, mentre il giudizio dei posteri, se convenga o meno tali “calie”
diviene di meno in meno favorevole col diffondersi dei criteri americani di buttar via tutto ciò
che non serve più e con l’abbandono dell’antico uso di trasferire nella camera degli impicci,
(che del resto non esiste più nelle anguste case moderne...... In Australia in un piccolo museo
di provincia ho visto conservata perfino una bottiglia di gassosa col pallino come oggetto, da
noi non sarebbe stata esposta neanche al mercato di Porta Portese......”
Sarebbe forse giunta l’ora, per noi, di prendere atto che è così, convincerci, infine, che sia
mo noi quei maniaci che accolgono cianfrusaglie considerandole oggetti da Museo. Dovrem
mo forse buttare nella spazzatura gli aratri in legno, i verricelli da palmento, i gioghi dei buoi,
le madie della massaia, e le seghe dei falegnami, e la bordatrice dello stagnino… Oppure, se
siamo “maniaci”, niente ci vieta di seguire le orme di Don Chisciotte.


E-mail:              Webmaster: www.giuseppecaporale.it               Segnalazione errori

Testi e materiale Copyright©
Associazione culturale La Radice
  www.laradice.it

Sviluppo e design Copyright©
Giuseppe Caporale
 www.giuseppecaporale.it

Tecnologie e software Copyright©
SISTEMIC di Giuseppe Caporale
 www.sistemic.it

Advertising e link support
by www.Golink.it

Golink www.Golink.it